Archivi per la categoria ‘Musica Classica’

Buon compleanno, Modest Petrovich

lunedì, 21 marzo 2011

Modest Petrovich Mussorgskij è nato il 21 Marzo 1839, 172 anni fa. Un anno fa celebrammo con Quadri di un’esposizione. Oggi invece con il poema sinfonico Una notte sul Monte Calvo. La clip è dal film Fantasia (1940) della Disney.

Modest Mussorgskij

Della serie Buon compleanno, Wolfie!

Mazurka in F Sharp Minor, Op. 6, No. 1

domenica, 20 marzo 2011

Sunday Afternoon Chopin!

Mi sono imbattuto in questa trascrizione per Banjo & Violino di una brano di Chopin, la Mazurka in F Sharp Minor, Op. 6, No. 1. Ero inizialmante scettico, ma il risultato è buono. Che ne pensi?

Fryderyk Chopin, esecuzione di Béla Fleck al Banjo e di Joshua Bell zl Violino.

Buon compleanno, Nikolaj Andreevic

venerdì, 18 marzo 2011

Nikolaj Andreevic Rimskij-Korsakov compie oggi 167 anni. Ovviamente … Il volo del calabrone! Si tratta del terzo episodio dell’opera La fiaba dello Zar Saltan, quando il protagonista viene trasformato in un insetto.

Nikolaj Andreevic Rimskij-Korsakov

Il brano è … onomatopeico, nel senso che riproduce in chiave musicale il ronzio di un grosso insetto, con le note che oscillano velocemente in una gamma di altezze e ricreano il movimento fluttuante, ma regolare di un calabrone.

Ne esiste una trascrizione per pianoforte solo di Rachmaninoff, qui eseguita alla velocità della luce da Evgeny Kissin.

A me piace particolarmente la versione per violino e piano. Qui il violino è Salvatore Accardo.

Della serie Buon compleanno, Wolfie!

Preludio Op. 28, No. 15 Re bemolle Maggiore

giovedì, 17 marzo 2011

Il Preludio Op. 28, No. 15 Re bemolle Maggiore è considerato il più famoso tra i Preludi di Fryderyk Chopin.

Fryderyk Chopin, al pianoforte Maurizio Pollini

Dall’inizio alla fine nell’accompagnamento risuona quasi ininterrottamente una nota ribattuta: per questa ragione viene spesso indicato come il Preludio della goccia d’acqua“. La scrittrice George Sand, ne L’Histoire de ma vie racconta questo episodio del loro soggiorno a Valldemosa, Majorca nel Dicembre 1838:

È là che egli compose le più belle fra quelle brevi pagine che intitolò modestamente Preludi (…) Ve n’è uno che gli fu ispirato da una di quelle lugubri serate di pioggia che gettano l’animo in un terribile stato di prostrazione. Quel giorno l’avevamo lasciato in buona salute, Maurice e io, per recarci a Palma e acquistare alcune cose di cui avevamo necessità. Era venuta la pioggia, i torrenti erano straripati, avevamo impiegato sei ore per percorrere tre leghe e trovarci, poi, nel mezzo di una inondazione. Rientrammo in piena notte, senza scarpe, abbandonati dal nostro vetturino, fra ogni sorta di pericoli. Ci affrettavamo pensando alla inquietudine del nostro ammalato: inquietudine che in effetti era stata viva, ma si era poi raggelata in una sorta di disperazione tranquilla, ed egli suonava piangendo il suo mirabile preludio. Vedendoci entrare balzò in piedi e lanciò un grido, poi, stravolto in viso e con voce strana, ci disse: “ah! lo sapevo che eravate morti!”. Quando si riprese e dopo essersi reso conto dello stato in cui eravamo fu nuovamente colto dall’inquietudine per i pericoli che avevamo corso. In seguito mi confessò che mentre ci aspettava aveva visto tutto come in un sogno; poi, non riuscendo più a distinguere il sogno dalla realtà, si era calmato e quasi assopito suonando il pianoforte, persuaso di esser morto egli stesso. Si vedeva annegato in un lago, pesanti gocce d’acqua gelida gli cadevano sul petto con cadenza regolare, e quando gli feci notare il rumore delle gocce di pioggia che effettivamente cadevano ritmate sul tetto negò di averle udite. Si stizzì anzi della mia allusione a questa armonia imitativa e protestò con tutte le sue forze – e aveva ragione – contro la puerilità di queste imitazioni dell’orecchio. La sua composizione di quella sera era ben piena delle gocce di pioggia che risuonavano sulle tegole della certosa, ma esse si erano tradotte, nella sua anima e nel suo canto, in lacrime che cadevano dal cielo nel suo cuore.

Buon compleanno, Johann Senior

lunedì, 14 marzo 2011

Anche Johann Strauss Sr compie gli anni oggi: 207! Strauss Sr è il “padre del valzer”. Io propongo la Radetzky-Marsch op. 228, che ad ogni anno viene eseguita come fuori programma conclusivo durante il Concerto di Capodanno dei Wiener Philharmoniker. Questa è l’edizione 1993 diretta dal ‘ravennate’ Riccardo Muti.

Johann Baptist Strauss, con i Wiener Philharmoniker diretti da Riccardo Muti.

Della serie Buon compleanno, Wolfie!

Best of Telemann

lunedì, 14 marzo 2011

Playlist della serie Best of dedicata a Georg Philipp Telemann.

 Playlist completa (01:11:39)

 Recorder Suite in A minor
 Ouverture 
6:26
 Recorder Suite in A minor
 Les plaisirs  
2:41
 Recorder Suite in A minor
 Air a l’Italienne  
5:19
 Recorder Suite in A minor
 Rejouissance  
2:18
 Viola Concerto in G major
 Largo
3:44
 Viola Concerto in G major
 Allegro
2:56
 Tafelmusik I: Quartet in G major
 
7:02
 Ouverture in C major, ‘Darmstadt’
 Harlequinade  
2:55
 Ouverture in C major, ‘Darmstadt’
 Sommeille  
5:19
 Ouverture in C major, ‘Darmstadt’
 Rondeau  
2:01
 Sonata No. 5 for Two Flutes in B minor, Op. 2
 Largo
2:21
 Sonata No. 5 for Two Flutes in B minor, Op. 2
 Vivace
2:34
 Sonata No. 5 for Two Flutes in B minor, Op. 2
 
2:02
 Ouverture in D major, ‘Darmstadt’
 Harlequinade  
1:59
 Trumpet Concerto in D major
 Allegro
2:01
 Trumpet Concerto in D major
 Grave
1:42
 Trumpet Concerto in D major
 Allegro
1:47
 Suite La changeante
 Menuet I – Menuet II  
2:16
 Suite La changeante
 La Plaisanterie  
1:03
 Suite La changeante
 Hornpipe  
1:37
 Suite La changeante
 Avec douceur  
3:00
 Suite La changeante
 Canarie  
1:50
 Tafelmusik II: Conclusion in D major
 
6:46

Buon compleanno, Georg Philipp

lunedì, 14 marzo 2011

Georg Philipp Telemann compie 330 anni! Ti sorprenderà il brano con cui lo festeggio: il Concerto per tromba e orchestra in re maggiore. Lo hai riconosciuto?

Georg Philipp Telemann

Ascolta anche il suo Best of.

Della serie Buon compleanno, Wolfie!